STANDARD - LADYANNAYORY

Vai ai contenuti

Menu principale:

STANDARD

ALLEVAENTO YORKSHIRE

Medio, nano, toy, tascabile, pocket, T-cup
NON ESISTONO!!!

Per alcuni sarà forse una novità, ma é proprio così
Come in molti altri campi la mancata conoscenza o l'ingenuità ci trasforma in facili prede di speculatori ed affaristi che vista l'occasione propizia per fare affari d'oro non si tirano indietro.
Dagli anni del grande boom della razza(anni novanta)se ne sono sentite davvero di tutti i colori: tanto ma inutilmente hanno faticato le Società Specializzate del mondo intero per inculcare i corretti ed unicamente validi parametri dello Standard su questa razza.
Oggi con l'aiuto di internet dovrebbe essere assai più facile e veloce far correre la conoscenza e la cultura. Eppure non é così.
Per un Sito serio sulla razza se ne incontrano nove che bestemmiano e farneticano,specialmente sulla taglia. Esempi di falsità e dicerie piuttosto comuni:
-Lo Yorkshire terrier e lo Yorkshire Toy sono due razze distinte
-Lo Yorkshire terrier si divide in nano, medio,gigante. Poi c'é lo Yorkshire Toy  
-Lo Yorkshire Toy é più pregiato
-Yorkshires Toy nascono solo da yorkies toy
-E' garantito che se la mamma pesa 1,2kg ed il papà 900 gr i cuccioli peseranno 1kg....
Queste e molte molte altre assurdità dilagano intorno a questo stupendo piccolo cagnolino il cui Standard prevede un peso massimo di 7 libbre(c.ca 3,2kg).
Per soggetto "in standard " si intende l'optimum in termini di aderenza ai canoni morfo-funzionali previsti per la razza.Ovvero nel rispetto dell'estetica e della salute.
Come in tutte le razze esiste il soggetto di più abbondanti misure come quello più minuto o leggero Questi difetti di taglia che non gli permettono di divenire un Campione della sua razza ma non gli impediscono di diventare un eccellente cane da compagnia  Francamente non si ricordano Campioni di Bellezza da 1,2 kg nè di 5 kg !
Questi soggetti,anche se muniti di regolare pedigree,sarebbe meglio evitare
di farli riprodurre a discapito di una continua escursione di pesi nella razza.
Come dire,se dopo anni si saranno riprodotti solo yorkies di 3 kg avremo fissato finalmente il peso: l'unico ed il migliore per avere un cane molto piccolo ma costituzionalmente sano!

Cane a pelo lungo; il pelo ricade perfettamente diritto lungo i lati del corpo e in modo uguale da ciascuna parte, diviso da una scriminatura che va dal tartufo alla punta della coda. Molto compatto, dalle linee nette, con un portamento eretto che gli dà un'aria importante. Nel suo insieme da l'impressione di un corpo vigoroso e ben proporzionato. È un Terrier da compagnia attivo e intelligente. Ama i divani e le comodità, le coccole e la compagnia. È un cane sicuramente docile e si abitua alla vita in famiglia, per questo ama ogni membro di essa, ma nello stesso tempo può essere leggermente aggressivo con altra gente. È una razza di cane che va d'accordo anche con altre specie domestiche (es. gatti).
Questa razza è anche conosciuta per essere quella preferita dalle anziane e sole vedove italiane di provincia.
Temperamento: Dotato di grande vitalità, brioso, vispo e allegro, nonché molto giocherellone, è di buona compagnia. Tende ad abbaiare in presenza di sconosciuti.
Testa: Piuttosto piccola e piatta, con cranio non troppo prominente e arrotondato, muso non troppo lungo, tartufo nero.
Occhi: Di media dimensione, scuri, scintillanti; esprimono una viva intelligenza; sono posti in modo da guardare diritto in avanti. Non sono sporgenti. Le rime palpebrali sono scure.
Orecchie: Piccole, a forma di V, portate erette, non troppo distanti l'una dall'altra; coperte da un pelo corto; il loro colore è di un rossiccio sostenuto ed intenso.
Bocca: Dentatura con chiusura a forbice perfetta, regolare e completa: cioè gli incisivi superiori coprono gli inferiori in uno stretto contatto e sono impiantati ben in squadra in rapporto alle mascelle. I denti sono ben disposti; la lunghezza della mascella è uguale.
Collo: Di buona estensione ed elegante.
Arti anteriori: Spalla obliqua; arti anteriori dritti, ben coperti di un pelo rossiccio dorato intenso che si presenta un pochino più chiaro all'estremità rispetto alla radice e che non si estende oltre il gomito.
Tronco: Compatto, con costole un po' arcuate, buone reni. La linea dorsale è dritta.
Arti Posteriori: Gli arti posteriori sono perfettamente dritti, visti da dietro, articolazioni coxo femorali moderatamente flesse. Essi sono ben coperti di pelo rossiccio dorato intenso che è di qualche tono più chiaro all'estremità rispetto alla radice e che non si estende alla grassella.
Piedi: Rotondi; le unghie sono nere.
Coda: Coperta di pelo abbondante, di un blu più scuro che sul resto del corpo, soprattutto sulla punta. La coda è portata un po' più alta della linea del dorso, dal 1º gennaio 2008 è vietato tagliare la coda e le orecchie ai cani per motivazioni estetiche.
Andatura: andatura sciolta, con buona propulsione; movimenti anteriori e posteriori paralleli e linea superiore mantenuta ben dritta.
Pelo: Sul corpo il pelo è di lunghezza moderata, perfettamente dritto (e non ondulato), lucente, di tessitura fine e setosa, e non lanoso. Sulla testa il pelo è lungo, di un colore rossiccio dorato intenso, più sostenuto ai lati della testa, alla base delle orecchie e sul muso, dove il pelo è anche molto lungo. Il colore rossiccio intenso della testa non deve estendersi sul collo. Nessun pelo scuro o carbonato deve mischiarsi al pelo rossiccio. Il mantello è privo di sottopelo e di conseguenza la quantità di allergeni del cane sono fortemente ridotti. Per questo motivo il suo pelo è considerato ipoallergenico perché non causa sintomi di allergia neanche nelle persone più sensibili.
Colore: Blu acciaio scuro (non blu argentato) che si estende dall'occipite all'attaccatura della coda, mai mescolato a peli rossicci, scuri, o color bronzo. Sul petto il pelo è di un rossiccio intenso e brillante. Tutti i peli rossicci sono più scuri alla radice rispetto alla loro metà e diventano ancora più chiari all'estremità.
Peso: Fino a Kg. 3,1 (7 libbre inglesi = 3,178 kg.)
Difetti: Ogni deviazione dallo standard è da considerarsi un difetto che va penalizzato secondo la gravità.


Torna ai contenuti | Torna al menu